Nessun Bambino Solo: un futuro ai bambini senza una famiglia in Italia

villaggi dei bambini

In Italia sono oltre 91.000 i minori che hanno subito maltrattamenti e quasi 30.000 i bambini che crescono privi di cure. Sono bambini che provengono da realtà difficili: tossicodipendenza, violenza, difficoltà culturali e disagio sociale. Bambini ai quali non sono riconosciuti i diritti, abusati, che hanno bisogno di un ambiente che permetta loro di crescere serenamente, di studiare e di trovare anche un sostegno psicologico adeguato.

SOS Villaggi dei Bambini, la più grande organizzazione a livello mondiale, impegnata nel sostegno di bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle, nei suoi 7 villaggi SOS di Trento, Vicenza, Morosolo (VA), Saronno (VA), Mantova, Roma e Ostuni (BR) affianca e sostiene le famiglie ospitando bambini e ragazzi assicurando loro non solo cibo, istruzione e protezione, ma anche consulenza e sostegno di psicologi, psicomotricisti e specialisti qualificati, in grado di prendersi cura dei bisogni di ognuno di loro.

nessun-bambino-solo

Nei Villaggi ogni bambino è seguito secondo un progetto personalizzato che lo accompagna fino al rientro nella famiglia d’origine, quando possibile, oppure al raggiungimento dell’autonomia e dell’indipendenza.

Per occuparsi di ognuno di questi bambini, per stare al fianco loro e dei loro genitori, per permettere loro di crescere sereni, SOS Villaggi dei Bambini ha bisogno dell’aiuto di tutti: bastano 15 euro al mese per fare la differenza.

nessun-bambino-solo_08

Ogni anno, in occasione della giornata delle Porte Aperte, è possibile visitare i Villaggi SOS e confrontarsi con le persone che si prendono cura dei bambini, seguendo personalmente il progetto a cui si contribuisce annualmente con la donazione.

Dal 1949 sono stati accolti nei villaggi SOS ben 86.206 bambini. L’associazione è presente in 134 paesi nel mondo, dove aiuta quasi 2.000.000 di persone.

Sostieni anche tu la campagna “Nessun Bambino Solo” per aiutare e proteggere bambini e ragazzi meno fortunati dei tuoi.


Lascia un commento

*