Allattamento: passare dal seno al biberon

passare-dal-seno-al-biberon

Domanda

Mi chiamo Silvia e sto cercando di insegnare al mio piccolino a passare dal seno al biberon, prendendo sempre il mio latte e anche a  rilassarsi e riposarsi non solo attaccato al seno.
Premetto che adoro allattare, adoro il suo visino rilassato tra le mie braccia.
Ma il mio “problema” é che fra qualche mese dovrò rientrare a lavoro e vorrei iniziare ad abituarlo al biberon, perché non riuscirò purtroppo a proseguire bene tutte le poppate dell’allattamento.
Non mi sono mai posta il problema di dargli degli orari ma è sempre stato allattato a richiesta e questo nel nostro caso significa un pò quando gli va: magari giochiamo per ore e ore anche 3/4 e non richiede il seno, ma magari è un pò affamato o come dico io gli prende la coccolite e vuole attaccarsi ogni 15 minuti.

Non so se ho sbagliato ma sta difatto che ora non so bene come fare se avessi bisogno di lasciarlo con il papà o con qualcun altro. Cosa che per forza di cose prima o poi accadrà.
Lui ha quasi 7 mesi. Da poco più di una settimana ho iniziato a dargli solo a pranzo brodo e farine di cereali (leggi il post sullo svezzamento). Che sembra con molta pazienza accettare abbastanza volentieri.

Nello stesso tempo ho iniziato a tirarmi il latte pensando di iniziare ad integrare il biberon, ma anche se  con il mio latte non lo disdegna  credo non riesca a capire che è da ciucciare come il seno. Si lecca i baffi quando scende la goccia di latte ma non ciuccia al massimo ogni tanto lo mordicchia e comunque dopo poco lo scansa. Ho giá provato in tutti i modi a proporglielo in qualsiasi momento della giornata ma sembra proprio non voler mangiare da lì anche quando è affamato! Neanche se ci prova il papá (provato le mille tettarelle e i vari flussi).

Probabilmente ho sbagliato a non averglielo mai proposto da più piccolino ma chi ci ha pensato?! Nessuno me lo ha mai detto e io non ci ho proprio mai pensato. In più lui non ha mai voluto il ciuccio ed io a dire la verità non ho davvero mai insistito (forse mi sembrava anche meglio) ora il risultato é tetta e tetta e tetta.

Con il papà ci sta (gioco) volentieri ma di addormentarsi con lui assolutamente non ne vuole sapere. È sempre con me.
Non avendo nè nonni nè parenti vari a cui appoggiarsi non c’è mai stata l’opportunità di lasciare il bimbo con qualcuno e ora la mia paura è che diventi anche troppo mammone.
Lui è un bimbo super solare e tutto sorridente sempre e con tutti e questo lo adoro. Io ci gioco veramente SEMPRE. E mi piace essere stesa con lui sul tappeto a rotolare piuttosto che fargli bubù settete anche mentre mi faccio la doccia. Però anche se non vorrei devo anch’io accettare che ad un certo punto dovrò lasciarlo con qualcuno o al nido (Leggi Asilo nido o babysitter?). Devo ancora deciderlo.
Quindi come preparaci al meglio? Come farlo mangiare dal biberon? Come farlo addormentare anche con il papà?
Scusate il poema ma inizio davvero a dover pensare a come fare anche perché quando dovrò tornare a lavoro farò orari non proprio comodi e devo delegare soprattutto al papà molti momenti compreso l’alimentazione!
Grazie mille!

Silvia

 

Risposta

Carissima e dolce Silvia, comprendo i tuoi sentimenti e le tue paure.

Ho già trattato questo argomento in un altro articolo che ti linko qui di seguito Allattamento e rientro al lavoro.
Mantieni le poppate principali e inizia a togliere quelle secondarie, il tuo bimbo imparerà presto ad accettare il cambiamento, in virtù del fatto che hai iniziato anche  lo svezzamento.
Devi però essere in primis tu decisa a staccarti da lui.
Praticare il massaggio neonatale può essere una bella soluzione per aiutare soprattutto il papà ad entrare in relazione empatica e profonda con il piccolo, anche in altri momenti diversi dal gioco.
Provate e scoprirete quanto il vostro bimbo si innamorerà del contatto, delle coccole, praticate in altri modi, aiutandovi magari con l’ascolto di musica classica.
Dici che non accetta il latte dal biberon neanche dato dal papà; se il papà lo allatta, (ci prova), stando solo, senza che il tuo bimbo ti veda proprio si ottiene lo stesso risultato? Provate.
Mandare il bimbo al nido o affidarlo ad una baby sitter? Io credo che un contesto sociale sia sempre più stimolante e arricchente per il bimbo, ma è anche vero che bisogna sempre tener conto di esigenze di lavoro particolari, situazione economica e distanze chilometriche, se abiti in una grande città è ben diverso che se abiti in un piccolo centro.
Spero di averti aiutata.
Una coccola a tutta la famiglia.

Lascia un commento

*