Crema di carote e finocchi

L’autunno è senza dubbio la mia stagione preferita, con i suoi odori forti e umidi, le sue brevi e suggestive giornate, le mattine fresche e le tazze di the caldo al pomeriggio, sia al lavoro che da condividere con le amiche, tra un dolcetto e una pettegolezzo.

Le cene di famiglia poi si risolvono davvero con poco: una buona zuppa o minestra calda, un piatto di verdura ed un pezzetto di buon formaggio, magari accompagnato da miele e frutta e, perché no, un confortante bicchiere di vino rosso, sono tutto quello di cui si ha bisogno per raccontarsi con calma a tavola la giornata appena trascorsa tra mille impegni.

Una delle mie zuppe preferite è senz’altro quella classica di zucca, ma anche questa crema di carote e finocchi è entrata a buon diritto nella nostra “top ten” familiare, anche per le sue proprietà depurative, perfetta per un “meat free Monday” e rimettersi da qualche sgarro del week end.

crema di carote e finocchi

 

Crema di carote e finocchi con semi

Per prima cosa, stufate in una casseruola d’acciaio abbastanza profonda una cipolla affettata finemente e un paio di spicchi d’aglio schiacciati e liberati della pelle, con pochissimo olio e un pochino di acqua o brodo vegetale.

Quando aglio e cipolla si saranno ammorbiditi, aggiungete 4/5 carote pelate e affettate a finissime rondelle e un finocchio anche questo sminuzzato, rimestate bene, salate e pepate, poi lasciate cuocere coperto per circa 5 minuti.

Adesso coprite il tutto con acqua o brodo vegetale (circa 600/700 ml), portate a ebollizione, e lasciate cuocere per altri 10 minuti. Intanto, tostate nel forno caldo a 200 gradi per circa 7 minuti un’ulteriore carota tagliata a rondelle più spesse.

Passate tutto al mixer, inclusa la carota arrostita, e – se lo gradite – aggiungete un generoso cucchiaio da the di curcuma polverizzata.

Servite nelle scodelle ancora calda la vostra vellutata, aggiungendo all’ultimo momento una spolverata di semi di chia e i gherigli di qualche noce, secondo il vostro gusto. Un ultimo tocco di stagione sarà un generoso “C” di olio nuovo!

Buon appetito e buona serata!

 

Valentina Nardi

Lascia un commento

*