Asilo nido e nanna

asilo nido e nannaDomanda

Buonasera, mio figlio ha 16 mesi e a settembre inizierà l’asilo nido.

È molto socievole con chiunque e se non mi vede per qualche ora non ha problemi, sono quasi convinta che l’inserimento non sarà così difficile ma la mia preoccupazione più grande riguarda il momento della nanna.

Fino ad ora si è sempre addormentato attaccato al seno infatti lo allatto ancora a richiesta tre/quattro volte al giorno (inclusa la notte), ho provato a farlo addormentare con il papà ma urla all’infinito; l’unico modo alternativo è portarlo in giro con il passeggino ma ci vuole comunque mezz’ora prima che si addormenti. Non è mai stato un dormiglione, si ribella al sonno ed è molto attivo. Il ciuccio non lo ha mai voluto, il biberon neppure. Non gli piace nessun tipo di latte o tisana e se vuole ciucciare e provi a sostituire il seno con acqua la rifiuta e si arrabbia ancora di più! Non ha un pupazzetto preferito, ho provato tante volte a dargliene uno ma lo butta per terra perché lo infastidisce.

Come posso fare per rendergli meno traumatico il riposino al nido e il distacco di così tante ore?
Grazie.

 

Risposta

Cara  Valentina affidati alle cure delle educatrici del nido che sapranno come accogliere il tuo bimbo, interagire con lui, giocare insieme, condividere i tanti momenti della giornata educativa.

Non avere l’ansia e il timore di lasciarlo e soprattutto non puoi porti un problema che ancora non esiste.
L’accoglienza di un bambino al nido ha sempre l’obiettivo di rispettare i suoi tempi, per cui, quando sarà pronto, saranno le educatrici stesse a dirti di lasciarlo lì anche per il riposo pomeridiano.
Pian piano il tuo bimbo crescerà e se trova un ambiente socievole, stimolante, caldo e ricco di cure e attenzioni, come spesso è il nido, pian piano accetterà in modo sereno il distacco dalla sua adorata mamma.
La prima persona, però, che dev’essere pronta al distacco non è il tuo piccolo, ma sei tu!
Inizia a pensare che il tuo bimbo potrà dormire anche senza stare attaccato al seno della sua mamma, inizia a accettare questo cambiamento e vedrai che, se tu ti predisponi positivamente, tuo figlio non farà fatica ad adattarsi alla novità.
La profezia che si autoadempie è uno dei fenomeni più noti della psicologia sociale: é un insieme di meccanismi mentali che fanno in modo che le aspettative si avverino.

Devi crederci.

 
Ti saluto con affetto e una coccola.

Lascia un commento

*