Pesce al forno con salsa verde

Quasi tutti i medici e nutrizionisti sono concordi nel raccomandare un consumo regolare di pesce, per una dieta sana. Il punto è che, quando si ha un bambino piccolo e poco tempo, si finisce spesso per privilegiare invece le classiche “fettine” pronte in padella in pochi minuti, siano esse di vitello, pollo, tacchino, manzo o maiale…ed è un vero peccato perché la maggior parte del lavoro, quando si parla di pesce, consiste nell’acquistarlo e sceglierlo freschissimo.

Dedicate quindi un pochino di tempo (ma neanche più di tanto!) a sperimentare i vari supermercati e pescivendoli della vostra città e, una volta scoperto il migliore, il gioco è fatto: un buon pesce fresco ha bisogno davvero di pochissimo per sprigionare tutta la sua… “deliziosità”!

Quanto ai condimenti, tra tutti i miei privilegi, quello di cui non potrei mai fare a meno (almeno in cucina!) è il mio personale giardino dei semplici: quando si ha tanto posto a disposizione, ci si può divertire con filari e filari di rosmarino, basilico, salvia, timo, melissa, origano, menta, acetosella, dragoncello, finocchio selvatico e chi più ne ha più ne metta! Se però disponete solo di un terrazzo o un davanzale, potrete scegliere dei bei vasi di terracotta (molto più belli di quelli in resina che si trovano in giro ora) e piantare il minimo indispensabile per la cucina quotidiana: basilico, rosmarino, salvia, menta, prezzemolo, origano e timo.

In mancanza, potrete acquistare le vostre erbe fresche e conservarle in frigorifero, avvolte in un tovagliolo di cotone bianco appena umido, oppure ancora acquistarne di essiccate biologiche (al reparto ortofrutta del supermercato troverete quelle in sacchetto, che sono di qualità migliore, rispetto a quelle in vasetto ed hanno anche un miglior rapporto qualità prezzo!

Con pesce ed erbette in gran quantità a disposizione, quando ho ospiti, ma anche solo per viziare la mia famiglia con poco sforzo in una sera d’estate al mare, preparo sempre questa ricetta.

 

Pesce al forno con salsa verde

Questa semplice ricetta è perfetta per tutti i pescati da arrosto: dentice, branzino, orata o dorado.

  • Per prima cosa, accendete il forno ventilato a 200°, poi lavate accuratamente il pesce con acqua fredda (immagino che ve lo sarete fatto pulire ed eviscerare in pescheria!).
  • Tamponatelo con carta da cucina, poi strofinatelo bene dentro e fuori con sale grosso, poi finite di asciugarlo e appoggiatelo su un fianco nella teglia o in una pirofila di porcellana su un foglio di carta da forno.
  • Su un tagliere, possibilmente con un coltello di ceramica, sminuzzate finemente basilico, menta, prezzemolo e timo e tagliate a fettine un limone. Praticate un paio di tagli sul fianco del vostro pesce e riempiteli con le vostre erbette e con una fetta di limone, poi mettete quelle avanzate nel ventre, insieme alle altre fettine.
  • Pepate leggermente, spruzzate appena di olio EVO e finite di condire con il succo di mezzo limone.

Il vostro pesce cuocerà da solo nel forno ben caldo in 18/25 minuti, a seconda di quanto è grande.

pesce al forno con salsa verde

Intanto, preparate la sua deliziosa salsina…se fossi una persona seria, dovrei suggerirvi l’uso del mastello, ma visto che sono invece molto pratica vi dirò di frullare insieme acciughe di buona qualità (le migliori sono quelle spagnole del mar di Cantabrico) nella quantità che preferite – se siete me, una confezione intera – 2/3 cucchiai di senape di Digione, tanto prezzemolo, tanto basilico, tanto timo e un cucchiaio di acqua per emulsionare.

Trasferite la vostra salsina in una salsiera o una ciotolina con un cucchiaino che verrà in tavola con il secondo piatto ed il contorno.

Una simile delizia non chiede molto per essere accompagnata: qualche fetta di pane acsereccio tostata al volo in forno, chiacchere piacevoli e un buon sauvignon ben freddo sono tutto quello di cui avrete bisogno, una volta a tavola con i vostri amici!

Buona serata!

Pesce al forno con salsa verde

 

Valentina Nardi

Lascia un commento

*