11 anni: distacchi

Undici anni

 

Domani sono 11.

E li festeggerai nel modo più evocativo del periodo che stai attraversando: in gita scolastica. Lontano da noi.

Perché è così che ti sento: sulla start line. Pronto per correre.

Il pullman che si è allontanato stamattina: una metafora. Faticosa. Con gli amici, nei posti dietro, come i grandi, c’eri tu, all’alba dei tuoi 11 anni.

E io ero giù. Perché arriva un momento in cui si “smonta” un pochino dalla vita dei figli. E sento che ci siamo. Un misto di sofferenza e  gioia, di dispiacere e orgoglio.

 

11 anni

 

Quante facce ha la maternità?

Sento che è giusto. Distaccarti ti permetterà di sperimentarti, costruirti, cercarti e cercare gli elementi della tua unicità.

Sento che è difficile: la vita inizia con una separazione fisicamente dolorosa e prosegue con tanti altri piccoli e grandi distacchi. Crescere è un atto aggressivo, come diceva Winnicott. E lasciare che i tuoi figli crescano e camminino a un passo sempre più distante dal tuo è maledettamente complicato.

Abbiamo ancora un’estate davanti. Poi tutto cambierà, come è giusto che cambi. Se non cambiassero le stagioni non avremmo frutta sugli alberi.

Sei pronto, Matteo, per salutare la serenità della scuola primaria e correre alle scuole medie. Per cominciare ad andare a scuola da solo.

Per voltarti verso di me, sempre un pochino meno.

“Mamma, in mezzo a tutti non mi prendere più la mano. Però a casa tienimela ancora”.

 

11 anni

Commenti

  1. Ciao! ti seguo da tempo e mi piace molto il tuo blog, da oggi è online il mio sito,un sito dove poter scambiare vestiti per bambini, inviando i vestiti dei tuoi bimbi ricevi delle stelline, con le quali potrai scegliere altri vestitini nel catalogo. Se vuoi provarlo posso mandarti un codice promozionale per avere l’iscrizione gratuita 🙂

  2. Crescere è un atto aggressivo, come diceva Winnicott. E lasciare che i tuoi figli crescano e camminino a un passo sempre più distante dal tuo è maledettamente complicato….come sono vere queste parole. I miei bambini ancora sono piccoli e ogni giorno è una “faticaccia” renderli quanto più autonomi possibile, ma poi arrivano davvero ad essere autonomi e a noi non ci resta che sperare per loro!!

  3. Cara Silvia,
    cosa vuoi che ti dica… ti capisco e so cosa vuol dire ” lasciare che i tuoi figli crescano e camminino a un passo sempre più distante dal tuo è maledettamente complicato.”

    Ti abbraccio

  4. Francesca dice:

    Ho letto a mio marito il tuo bellissimo racconto… Noi siamo genitori di Matteo di 5 anni e Andrea di 3 anni…ci siamo emozionati… Tu scrivi con le parole ciò che noi sentiamo con il cuore e con la pancia…bravissima!!! Continua ad emozionarci!

    • MammaImperfetta dice:

      Francesca,
      vicini di età come i miei. Parttiranno quasi insieme…
      Grazie per questo bellissimo commento e un bacio a Matteo e Andrea (che bei nomi!).

  5. Ilaria dice:

    Cara Silvia i tuoi figli sono proprio fortunati ad avere una mamma come te

  6. Simona dice:

    La mia ne ha 12 ed è proprio così…
    Anche io mi sento così. Solo che non lo saprei esprimere. Per questo ti leggo sempre con emozione.

  7. chiarac dice:

    Ecco…il mio “grande”ne compie sei….e io gia’ penso alla canzone di Elisa: “….sara’difficile dire tanti auguri a te, a ogni compleanno vai un po’piu’ via da me…” Quindi mi stai dicendo che mi rimangono ancora circa cinque anni per godermelo e coccolarmelo? AIUTOOO!!!

    • MammaImperfetta dice:

      Dipende dai bimbi.
      Alcuni “partono” anche un po’ prima… 🙂

      PS: la canzone e di Ligabue, testo e musica. 😉

  8. Quanto è vero ciò che scrivi, doloroso in parte ma necessario, per loro e per noi…nonostante questo mi viene ugualmente da piangere!!! Quante emozioni!!! Come sempre mi piace la delicatezza con cui affronti il tuo sentire…bello il tuo Matteo che parte 🙂
    Ciao, Lia

  9. Monica dice:

    Ecco perché questo blog non morirà mai ed ecco perché ti seguo da 8 anni.

    Dai voce al cuore e alla pancia di ogni mamma e papà.

    Grazie.

  10. marzia dice:

    Mi fai piangere il cuore.
    Vi adoro

  11. Chiara dice:

    La bellezza di queste poche e dirompenti parole.

    Siete belli.

Lascia un commento

*