Genitore seprato e trasferimento

genitore separato e trasferimentoDomanda

Sono una ex convivente e ho avuto una bambina, riconosciuta,  che oggi ha 9 anni. Da 3 anni sono separata e abbiamo deciso a parole il mantenimento di 300 euro mensili e la bambina un weekend sì e uno no.

Da gennaio 2015 non mi riveco più il mantenimento poiché dice che non ha soldi e non lavora.

Vuole trasferirsi in Sicilia dove ha conosciuto una compagna nuova: lavorerebbe da lei e vivrebbe con lei (compagna che mia figlia conosce già).

Noi abitiamo al nord e questo comporterebbe una variazione di vita per mia figlia e una variazione nella mia di vita poichè sarebbe tutto sulle mie spalle anche moralmente, oltre a non avere  nessun tempo per me (tempo che poi uso per lavorare di più).

Esiste una legge che impedisca il trasferimento a 1.000 km? Per il mantenimento come faccio ad averlo se non ha intestato nulla e non ha una busta paga?

Una mamma disperata.
Grazie.

 

Risposta

Non esiste una legge che possa limitare così tanto la libertà personale di un genitore da impedirgli di traslocare e stabilirsi altrove, almeno sino a che si tratta del territorio nazionale. Solo per quanto riguarda il trasferimento, anche solo temporaneo, all’estero è richiesto il consenso dell’altro genitore, la cui mancanza peraltro può essere superata con un’apposita autorizzazione del giudice tutelare.

Quindi su questo non puoi far nulla, anche perché se è vero che la nuova situazione logistica lascia sicuramente presagire un peggioramento dei rapporti col padre, è un aspetto, questo, che andrà poi valutato in concreto: può darsi che il padre, nonostante la distanza e nonostante un ineliminabile peggioramento, riesca comunque ad avere un rapporto di qualità con la figlia. Se invece così non fosse potrai lavorare sul problema, ma devi comunque attendere che si verifichi in concreto, in diritto non si lavora sui sospetti e sulle probabilità.
Per quanto riguarda il recupero del mantenimento, ti invito a leggere la nostra scheda sul recupero crediti, ponendo particolare attenzione al concetto di solvenza.
Ovviamente, se le cose da questo punto di vista non si dovessero risolvere, avrai bisogno di un bravo avvocato degno di fiducia.

Lascia un commento

*