Tintura e colpi di sole in gravidanza

Se sia possibile o meno tingersi i capelli in gravidanza è una domanda, quasi sempre ricorrente.
Ci sono pochi studi scientifici sull’uso delle tinture ai capelli in gravidanza e allattamento.
L’Organization of Teratology Information Services (OTIS), che informa sui potenziali rischi per la riproduzione, afferma come studi effettuati sugli animali siano rassicuranti e che non siano stati finora segnalati casi in cui la tintura dei capelli abbia provocato cambiamenti in gravidanze umane.

Tuttavia, occorre un po’ di cautela (Primum non nocere, direbbe Ippocrate).
Particolarmente nel I trimestre di gravidanza, quando gli organi e gli apparati del bambino sono in formazione (organogenesi), le tinte per capelli, andrebbero evitate.
Le tinture per capelli più durature, infatti, contengono sostanze come ammoniaca (elemento chimico che permette al capello di aprire le cuticole per far penetrare il pigmento colorante)  e resorcina (elemento chimico che serve per la preparazione dei coloranti) che possono venire assorbite dall’organismo tramite il cuoio capelluto e raggiungere il feto attraversando la placenta. Anche gli ossidanti (come l’acqua ossigenata) sono da evitare.

Cosa evitare 

  • Le tinte per capelli (acqua ossigenata, ammoniaca, resorcina) a contatto con il cuoio capelluto, in particolare nel primo trimestre e comunque in modo ripetuto.
  • Permanenti e stiraggi (relax).

Cosa è consentito 

  • Le tinture per capelli a base vegetale e l’henné che ha il grosso vantaggio di essere un colorante del tutto naturale.
    Prestate comunque molta attenzione, poiché molti prodotti  chiamati hennè, non sono in realtà hennè puro (quello puro è rosso) e possono contenere sostanze chimiche sintetiche o potenzialmente rischiose come composti di metalli.
  • In alternativa si può ricorrere ai colpi di sole o allo shatoosh (o crepage o in qualsiasi maniera il vostro parrucchiere chiami le decolorazioni): il decolorante che viene utilizzato, a patto che non venga a contatto con il cuoio capelluto, non comporta alcun pericolo né per la futura mamma né per il feto.

Allattamento
In allattamento  tutto ciò che è assorbito dall’organismo della mamma viene trasmesso al bambino attraverso il latte materno.
Quindi, anche in questo caso, sarebbe meglio evitare le tinture o per lo meno seguire le stesse regole relative alla gravidanza.

 Studi

 

Speak Your Mind

*