Esami in gravidanza

esami in gravidanza

Esami in gravidanza: di seguito, l’elenco completo degli esami gratuiti e raccomandati.

Gli esami esenti (D.M. 10.09.98) sono contrassegnati dall’asterisco.

Esami gratuiti prima del concepimento

  • Consulenza ginecologica
  • Anticorpi virus rosolia
  • Anticorpi Toxoplasma (toxoplasmosi)
  • Test di Coombs indiretto
  • Emocromo
  • Test di Simmel
  • Emoglobine anomale (HbS, HbH, HbD, eccetera)
  • Pap test

Entro la 13^ settimana
Terzo mese

  • Emocromo*
  • Gruppo sanguigno AB0 e Rh*
  • Test di Coombs indiretto*: in caso di donne Rh negativo il test deve essere ripetuto ogni mese
  • Funzionalità epatica (AST*, ALT*, bilirubinemia totale e diretta)
  • Virus Rosolia IgG e igM* (se siete in possesso di documenti attestanti l’immunità ovvero IgG positive e IgM negative, portateli al controllo)
  • Toxoplasmosi IgG e IgM*: in caso di IgG negative ripetere ogni 30-40 giorni fino al parto
  • Anticorpi anti Treponema Pallidum* (agente causale della Sifilide)
  • Anticorpi anti HIV* (virus responsabile dell’ AIDS)
  • Citomegalovirus IgG e IgM
  • Parametri emocoagulativi (PT, PTT, INR, ATIII)
  • Gruppo sanguigno (se non si possiede il tesserino che lo documenta)
  • HBsAg e anticorpi anti HCV
  • Elettroforesi dell’emoglobina
  • Glicemia*
  • Esame urine completo*
  • Misurazione della pressione arteriosa e del peso corporeo
  • Test combinato (bi test + traslucenza nucale)
  • Villocentesi
  • Pap test (consigliato se non effettuato nei due anni precedenti il concepimento)
  • Ecografia ostetrica*

Entro la 18^ settimana
Quarto mese

  • Esame urine completo*
  • Emocromo
  • Urinocoltura (la cura delle infezione alle vie urinarie anche asintomatiche riduce il rischio diparto prematuro)
  • Tampone vaginale per ricerca Streptococco B, Candina, Chlamydia, Mycoplasma
  • Test di Coombs indieretto (se RH negativo)
  • IgG e IgM per toxoplasma, Rosolia, CMV se negativi precedentemente
  • Controllo pressione arteriosa e peso corporeo
  • Tritest
  • Amniocentesi (esente se l’età al parto è maggiore di 35 anni, se si rileva un rischio alto all’Ultrascreen o se ci sono altri fattori rilevanti di rischio)

Entro la 23^ settimana
Quinto mese

  • Esame urine completo*
  • Emocromo
  • Test di Coombs indieretto (se RH negativo)
  • IgG e IgM per toxoplasma, Rosolia, CMV se negativi precedentemente
  • Controllo pressione arteriosa e peso corporeo
  • Ecografia morfologica*

Entro la 27^ settimana
Sesto mese

  • Esame urine* e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente
  • Glicemia*
  • Minicurva da carico glicemico
  • Flussimetria Doppler delle arterie uterine (se la morfologica ha rilevato anomalie)
  • Controllo pressione arteriosa e peso corporeo

Entro la 32^ settimana
Settimo mese

  • Esame urine* e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente
  • Emocromo*
  • Ferritina*
  • Ecografia ostetrica tra la 30 e la 32*
  • Esami previsti per mancata protezione (toxoplasma, rosolia, CMV)
  • Flussimetria Doppler arterie ombelicali
  • Controllo pressione arteriosa e peso corporeo

Entro la 37^ settimana
Ottavo mese

  • Esame urine* e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente
  • Emocromo*
  • Virus Epatite B (antigene HbsAg)*
  • Virus Epatice C (anticorpi)*
  • Virus HIV (in caso l’anamnesi abbia rilevato un rischio)*
  • Test di Coombs indiretto (se RH negativo)
  • Esami previsti per mancata protezione (toxoplasma, rosolia, CMV)
  • Tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma e Chlamydia
  • Elettrocardiogramma
  • Controllo pressione arteriosa e peso corporeo

Entro la 40^ settimana
Nono mese

  • Esame urine*
  • Cardiotocografia
  • Controllo liquido amniotico (indice del fluido amniotico o diametro sacca principale di liquido)
  • Flussimetria Doppler arterie ombelicali (se il liquido è scarso e il tracciato rileva anomalie)
  • Controllo pressione arteriosa e peso corporeo

Dopo la 40^ settimana
Circa il 10% delle gravidanze superano la data prevista. Il protrarsi della gravidanza può determinare un aumento del rischio: la placenta invecchia, il liquido amniotico diminuisce. Per queste e altre ragioni dopo la 40^ settimana il monitoraggio della gestante e del feto si fa più ravvicinato, tramite CTG, visite ed ecografie, esenti dal pagamento se motivate da richiesta del medico.

Commenti

  1. wow un dettagliato elenco degli esami da fare in gravidanza, complimenti per l’articolo.

Commenta

*